IL TEMPO STRINGE (2009)


TRACK LIST

01. STRADE DIVERSE (radio edit)

02. SENTIRSI CONTRO VENTO (radio edit)

03. PARLAMI ANCORA DI TE

04. SCRIVERE UNA CANZONE (radio edit)

05. LUNGO UNA SPORCA STRADA

06. STRADE DIVERSE

07. SENTIRSI CONTRO VENTO

08. SCRIVERE UNA CANZONE

FORMAZIONE

Maurizio Pirovano (voce e chitarra)

Andrea Parimbelli (basso elettrico)

Christian Taska (batteria e percussioni)



CREDITS

Singoli Radiofonici:  Sentirsi contro vento - Strade Diverse

Scritto da Maurizio Pirovano

Edizioni musicali: © LATLANTIDE PROMOTIONS

Produzione e Distribuzione: © LATLANTIDE PROMOTIONS


Testi

LUNGO UNA SPORCA STRADA

 

E, cosa c’è. C’è che tutto quanto passa lungo una strada che non c’è

E, adesso dimmi se, ti è rimasto qualche cosa in fondo a tutti i tuoi perché.

 

Tu, che chiedi a me dov’è che sei quando la notte cerchi un posto fra mille specchi di cristallo

Tu, che riesci a stare qui dritta davanti a questo inferno che gira sempre e solo a un senso

Tu, che chiedi a me se so chi sei ma a volte sembra che consumi ogni minuto che respiri

Tu, tu che non lo sai però che ti continuerò a cercare finché avrò sangue in fondo al cuore…

 

Lungo una strada fatta di mille parole

Lungo una strada scritta per farsi del male

Lungo una strada sporca da troppe persone

Lungo una strada che rassomigli, che rassomigli che rassomigli al mio cuore…

 

E, adesso cosa fai, prendi tutto e ti rialzi, se vuoi andare allora vai

Si, tanto lo sai anche tu che di strade anch'io ne ho tante e prima o poi mi perderei

Ma tu che chiedi a me se so chi sei quando al notte resti sola e anche suonare fa paura

Tu, tu che non lo sai ma so che ti continuerò a cercare finché avrò sangue in fondo al cuore…

 

Lungo una strada fatta di mille parole

Lungo una strada scritta per farsi del male

Lungo una strada sporca da troppe persone

Lungo una strada che rassomigli, che rassomigli che rassomigli al mio cuore…

Lungo una strada fatta di mille parole

Lungo una strada scritta per farsi del male

Lungo una strada sporca da troppe persone

 

Lungo una strada che rassomigli, che rassomigli che rassomigli al mio cuore…

 

 


PARLAMI ANCORA DI TE

 

Se ne sbatte dei tuoi sogni, delle ore straordinarie

Delle corse senza fiato e dei giorni in cui respiri

Se la prende coi tuoi sogni quando cerchi di dormire

Quando per restare in piedi vuoi soltanto camminare…

E ti entra nelle ossa come tutto questo asfalto

Perché quello che più conta son le cosa che non vedi

 

E si prende la tua voce quando meno te l’aspetti

Perché nonostante tutto è pur sempre la colonna di un film

 

Che cosa importa cos'è che successo e cosa importa cos'è che ti han fatto

E non importa dov'è che stai andando, continua a parlarmi, tu parlami ancora, ancora…

 

Di quando torni dalla tua guerra e non ci sono più prigionieri

Di quando chiudi il tuo mondo fuori perché qui dentro non si sta in piedi

Di quando vendi le tue parole per quattro attimi e due sospiri

Di quando fatti due conti in giro non c’è nessuno che ti dica beh…

 

Che cosa importa cos'è che successo e cosa importa cos'è che ti han fatto

E non importa cosa stai facendo, continua a parlarmi, tu parlami ancora, ancora, ancora, ancora…

 

Che cosa importa cos'è che successo e cosa importa cos'è che ti han fatto

E non importa dov'è che stai andando, continua a parlarmi, tu parlami ancora, ancora…

 

Che cosa importa cos'è che successo e cosa importa cos'è che ti han fatto

 

E non importa cosa stai facendo, continua a parlarmi, tu parlami ancora, ancora di te!

 

 


SCRIVERE UNA CANZONE

 

Scrivere una canzone non è niente di particolare

Perché in fondo quattro accordi prima o poi li riesci a raccontare

Una canzone di discorsi che nessuno ha mai capito

E di parole messe insieme come si usa oramai senza troppe pretese…

 

Scrivere una canzone serve solamente andare avanti

Per chi ha capito troppo o perché gli anni gli stanno stretti

Ma se c’hai sedici anni e di storie non ne vuoi sentire

Prendi una chitarra ed un giorno vedrai, ti farà gridare…

 

Noi no, non avremo niente di speciale

Ma poi però qualche volta ti sappiam stupire

E qualche volta poi quando ci capita facciamo a pugni col destino

E qualche volta poi quando ci capita, qualche volta lo sai… giochiamo a far casino!

 

Scrivere una canzone io credo che sia solo un illusione

Che una canzone non si scrive ma si fa solamente raccontare

Magari quella che ti entra dove nessuno è mai riuscito

E che ti fa andare in piazza a gridare che a noi non c’hanno mai comprato

Noi no, non avremo niente da insegnare

Ma poi però non ci basta e non ci può bastare

 

Giocare a fingere, mettersi a piangere, buttare un occhio all'infinito 

Giocare a fingere per sopravvivere, mi dispiace ma noi… giochiamo a far casino!

 

Giocare a fingere, mettersi a piangere, buttare un occhio all'infinito

Giocare a fingere per sopravvivere, noi piuttosto lo sai…

 

Giocare a fingere, mettersi a piangere, buttare un occhio all'infinito

 

Giocare a fingere per sopravvivere, mi dispiace ma noi… giochiamo a far casino!

 

 


SENTIRSI CONTRO VENTO

 

E, capita che avevi fatto i tuoi progetti

e adesso credi siano sbagli, eh,eh,eh,

 

chissà perché tra mille santi e processioni

non c’è mai un cristo a cui spiegare che

quando ti capita di perderti vorresti solo che

ogni più piccola tua lacrima portasse via con sé, eh, eh

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

in questi giorni sempre uguali agli altri!

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

Di questi giorni sempre, in questi sempre!

 

E, chissà perché quando hai finito le parole

C’è sempre chi si mette a urlare che, eh, eh, eh,

 

ti sei accorta che per ogni cosa che hai comprato

c’è qualcos'altro che hai venduto

 

Ma se ti capita di scrivermi ricordati anche che

per ogni lacrima che mastichi qualcosa cambia in te, in me , in te…

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

in questi giorni sempre uguali agli altri!

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

Di questi giorni sempre, in questi giorni sempre!

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

in questi giorni sempre uguali agli altri!

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

in questi giorni sempre uguali agli altri!

 

Come sentirsi sempre contro vento?

Come bruciare sempre troppo in fretta?

Come di colpo ritrovarsi stanchi?

Di questi giorni sempre, in questi sempre

 

 


STRADE DIVERSE

 

E c’è che ogni mattina c’è qualcosa da cercare

per qualcuno che si vende qualcun altro sa comperare

e c’è chi corre sempre e non ha mai capito dove

io so solo che mi serve una cartina da guardare

 

e c’è chi ha fatto i conti e tra vent’anni avrà una casa

un mutuo a tasso agevolato ed una vita assicurata

e c’e’ chi c’ha una croce messa su un matrimoniale

poi però chiude bottega bacia i figli e va puttane…

 

E c’è che abbiamo, strade, diverse,

ma credimi non c’hanno ancora

spenti, se adesso, mi senti

io sarò il tuo riflesso…

 

e c’è chi si è preso tutto e ti ha lasciato col suo niente

che a volerlo te l’han detto li potresti odiar per sempre

ma con l’odio non si vive, con la rabbia non vai avanti

se sei in piedi su un appiglio chiudi gli occhi e ascolta il vento

 

Perché c’è chi ha fatto i conti e la casa non gli basta

Ed ogni volta che ci pensa cerca una risposta e sbaglia,

perché c’è chi ha un buco dentro e non trova le parole

per spiegare cosa ha perso e cosa veramente vale…

 

E c’è che abbiamo strade diverse,

ma credimi non c’hanno ancora

spenti, se adesso, mi senti

io sarò il tuo riflesso, io sarò il tuo riflesso

 

sui tuoi specchi,

 

nei tuoi specchi, 

 

sui tuoi specchi…

 

ma se ti porteranno su strade senza via d’uscita

e se daranno un prezzo anche alla tua vita

digli pure che oggi non sei in vendita

 

e che domani, domani, domani, si vedrà!